ASET E IL PAESE DEI BALOCCHI INSIEME PER UN MONDO PIÙ ECOSOSTENIBILE

Sostenibilità e rispetto per l’ambiente sono alcune delle peculiarità de Il Paese dei Balocchi. Quest’anno, in collaborazione con Aset SpA, l’associazione promuove un progetto ecologico pilota che si candida a tracciare la rotta verso un mondo più ecosostenibile.

Sostenibilità e rispetto per l’ambiente sono alcune delle peculiarità de Il Paese dei Balocchi. Quest’anno, in collaborazione con Aset SpA, l’associazione promuove un progetto ecologico pilota che si candida a tracciare la rotta verso un mondo più ecosostenibile. Durante i quattro giorni di festa, infatti, le stoviglie utilizzate negli stand gastronomici non saranno in plastica, ma di materiali biodegradabili e compostabili quali la polpa di cellulosa e bioplastiche come Mater–bi e PLA (derivati dall'amido di mais). Questa importante novità, se si rapporta alle tantissime persone che orbiteranno attorno alla festa, consentirà un risparmio energetico elevatissimo perchè questi materiali, già in fase di produzione, riducono di un quarto l’emissione di anidride carbonica e, in fase di riciclo, fanno segnare un -30% alla voce “costi di smaltimento” rispetto alla plastica. Ultimo, ma non certo per importanza, il vantaggio ambientale: piatti, bicchieri e posate realizzati con materiali compostabili, restituiscono fertilità al terreno in quanto vanno gettati nell’umido per diventare successivamente “compost”. Questa importante innovazione è stata realizzata grazie alla collaborazione dell'“Emporio AE” che ha fornito i materiali e i preziosi consigli. Fondamentale è stata anche la sensibilità di Aset SpA grazie alla quale, Il Paese dei Balocchi diventa a tutti gli effetti una “Festa Sostenibile” come conferma anche l’utilizzo di carta riciclata per la brochure che state leggendo.